CHI SIAMO
CUS CATANIA

Situato all’interno della Città Universitaria, il CUS Catania (Centro Universitario Sportivo) è l’ente che dal 1947 gestisce gli impianti sportivi dell’Università degli Studi di Catania, promuovendo la pratica, la diffusione ed il potenziamento dell’educazione fisica e dell’attività sportiva universitaria.

Il CUS si propone come luogo di aggregazione, dove poter trovare la risposta alle diverse esigenze, che vanno dal bisogno di divertirsi a quello di sentirsi in forma, dal desiderio di trovare il vero benessere a quello di scaricare le tensioni della vita quotidiana. Un ambiente polifunzionale, insomma, dove poter partecipare ad attività di gruppo, potenziare il proprio fisico e rilassarsi in una sauna o in un angolo relax-massaggi.

I Cus sono presenti in ben 48 città sedi di Ateneo che nel 1968 hanno ottenuto il riconoscimento della personalità giuridica; sono degli organi periferici che afferiscono ad un organismo nazionale che è il CUSI (Centro Universitario Sportivo Italiano) e per mezzo di quest’ultimo alla FISU (Federazione Internazionale Sport Universitari) ente che presiede all’attività sportiva degli studenti universitari di tutto il mondo.

Il CUS Catania, in particolare, si propone di intervenire a quattro differenti livelli:

  1. Promozione ed incremento della pratica educativo-sportiva delle differenti discipline sportive nazionali e del CUSI, sotto forma di corsi di avviamento e perfezionamento, nonché tornei sportivi ricreativi per studenti universitari.
  2. Promozione ed incremento della pratica agonistica nell’ambito delle Federazioni Sportive Nazionali e del CUSI, in campo locale, provinciale, nazionale ed internazionale.
  3. Promozione ed incremento della pratica sportiva tra i giovani, nell’ambito delle attività del CONI.
  4. Promozione ed incremento del turismo sportivo universitario, attraverso la partecipazione e l’organizzazione di campus internazionali, nazionali e locali

 

Il CUS Catania, in particolare, si propone di intervenire a quattro differenti livelli:

  1. Promozione ed incremento della pratica educativo-sportiva delle differenti discipline sportive nazionali e del CUSI, sotto forma di corsi di avviamento e perfezionamento, nonché tornei sportivi ricreativi per studenti universitari.
  2. Promozione ed incremento della pratica agonistica nell’ambito delle Federazioni Sportive Nazionali e del CUSI, in campo locale, provinciale, nazionale ed internazionale.
  3. Promozione ed incremento della pratica sportiva tra i giovani, nell’ambito delle attività del CONI.
  4. Promozione ed incremento del turismo sportivo universitario, attraverso la partecipazione e l’organizzazione di campus internazionali, nazionali e locali

 

IMPIANTI
Gli impianti sportivi del CUS Catania sono situati all’interno della Città Universitaria in:

  • V.le Andrea Doria n° 6
  • Via S. Sofia n° 111
  • Porto di Catania

CITTADELLA:

  • Sala Scherma
  • Sale corsi Fitness e Attività Ludico-Sportive
  • Sala Boulder indoor (Arrampicata Sportiva)
  • Campi di Calcetto in sintetico
  • Campo di Calcio/Rugby
  • Campo Polivalente (Basket / Pallavolo)
  • Sala Pesi
  • Palazzetto Pallacanestro
  • Pista di Atletica Leggera
  • Campo di Beach Volley
  • Aula magna
  • Anfiteatro al Coperto
  • Sala Slow fitness
  • Sala arti marziali

PALA ARCIDIACONO:

  • Sala scherma
  • Campi da Tennis
  • Palazzetto Pallavolo
  • Sala Studio Pilates

IMPIANTI ESTERNI:

  • Circolo Nautico – Porto di Catania (Molo di Levante)

CONSIGLIO DIRETTIVO 2019/2022

Presidente

Mazzone Luigi

Vice Presidente

Oliveri Massimo
Papa Renato

Segretario Tesoriere

D’Arrigo Lorenzo

Consiglio Direttivo

Barbagallo Ignazio
Cigalini Alberto
Cirelli Giuseppe
Cuccia Eugenio
Magno Giulia
Vagnoni Laura

Revisori dei Conti

Grillo Giuseppe
La Fico Roberto
Munzone Bruno

Quote sociali

Con determina n°19 del 15/03/19 si stabilisce quanto segue:
”Il Commissario determina che la quota annuale, a partire dal 1.1.2019, sarà pari ad € 15,00 per i soci effettivi ed € 30,00 per i soci anziani.”

CONSIGLIO DIRETTIVO 2019/2022

Consiglio Direttivo

Luigi Mazzone

Consiglio Direttivo

Alberto Cigalini
Eugenio Cuccia
Lorenzo D’Arrigo
Giulia Magno
Massimo Oliveri
Renato Papa
Laura Vagnoni
Barbagallo Ignazio (nomina rettoriale)
Cirelli Giuseppe (nomina rettoriale)

Revisori dei Conti

Giuseppe Grillo
Roberto La Fico
Bruno Munzone

Quote sociali

Con determina n°19 del 15/03/19 si stabilisce quanto segue:
”Il Commissario determina che la quota annuale, a partire dal 1.1.2021, sarà pari ad € 15,00 per i soci effettivi ed € 30,00 per i soci anziani.”

STORIA

Il CUS Catania è da sempre un’istituzione per il movimento sportivo catanese. Una storia lunghissima: 75 anni. Traguardo che il nostro Centro Universitario Sportivo celebra nel 2022. E’ stato fondato infatti l’8 luglio 1947 e rappresenta il fulcro dell’attività sportiva dell’Ateneo catanese. Fin dall’inizio, ha promosso con successo la pratica, la diffusione e il potenziamento dell’educazione fisica, la promozione di tornei ricreativo-sportivi, nonché la pratica agonistica tra i giovani.
Il Cus Catania, presieduto agli albori dall’Avv. Reno Gentile, ha visto il succedersi alla guida dell’Ente di Francesco Paola, Giuseppe Consoli, Giuseppe D’Amato, Candido Cannavò, Alessandro Pennisi, Santino Granata, Giuseppe Padalino, Emilio Giardina, Antonio Musumarra, Alessandro Attanasio, Giovanni Zingali, Giovanni Arcidiacono, Cesare D’Alessandro, Federico Serra, Lucio Di Mauro, Giovanni Sapienza, Luca Di Mauro e Luigi Mazzone.

CURIOSITA’ E RICONOSCIMENTI

Nel 1998, in occasione delle celebrazioni per il 50º anniversario, il CUS ottenne dal CONI la Stella d’Oro al Merito Sportivo.
Negli anni, il CUS Catania ha conquistato vari successi, tra cui dodici scudetti nell’hockey, diversi titoli italiani e mondiali nella scherma, oltre a una medaglia d’oro e una di bronzo all’Olimpiade di Los Angeles nel 1984, e una medaglia d’argento all’Olimpiade di Montreal nel 1976, sempre nella scherma. La medaglia d’oro olimpica è stata conquistata dal compianto Angelo Arcidiacono alle Olimpiadi di Los Angeles 1984 nella sciabola a squadre. Dal 2007, uno dei più importanti impianti del CUS è stato intitolato proprio al grande schermidore. Il PalaArcidiacono è stato recentemente rimodernato e restituito alla città nel settembre del 2020.
Tra il 1952 e il 1954, dunque, ha ricoperto la carica di presidente Candido Cannavò, che si sarebbe poi affermato come grande giornalista sportivo.

I NUMERI DEL CUS

Il CUS Catania ospita 18 differenti sezioni ed è affiliato a tutte le più importanti federazioni sportive.
Accanto all’attività agonistica tuttavia il CUS Catania svolge un importante ruolo nella vita sportiva universitaria di studenti provenienti da tutta la Sicilia. Attualmente più di 6.000 iscritti praticano attività sportiva nelle nuove strutture della Cittadella Universitaria di via S. Sofia.
Il CUS Catania nel corso della sua storia ha organizzato manifestazioni sportive di rilevanza nazionale e internazionale: le Universiadi del 1997, i Campionati Italiani Universitari del 1964 e del 2005 sono sicuramente le più prestigiose e hanno rivelato qualità organizzative da sempre riconosciute ai dirigenti che si sono succeduti nel tempo alla guida dell’Ente e delle varie sezioni.

DAGLI ALBORI AI NOSTRI ANNI

Ai suoi inizi il fulcro delle attività del CUS orbitava attorno allo stadio Cibali, dove i praticanti di atletica leggera e rugby condividevano l’impianto con la squadra di calcio del Catania.
Pian piano, grazie all’interesse dei Rettori, che di volta in volta, hanno attribuito un innegabile ed insostituibile valore allo sport, venne individuata all’interno della Città Universitaria un’ampia zona da poter destinare all’impiantistica sportiva.
Intorno al 1990 vennero dunque realizzate tutte quelle opere che si pongono attualmente come supporto indispensabile allo sviluppo sportivo della città di Catania, degli atleti e degli studenti iscritti al CUS.
In questi decenni, inoltre, gli atleti del CUS Catania hanno raggiunto la massima serie nell’atletica leggera, nella pallavolo, nella pallanuoto, nel tennis da tavolo, nel rugby, nella pallacanestro e nell’hockey.
Negli ultimi anni, il CUS è tornato al centro del panorama sportivo catanese, con un’impiantistica di grande livello e una guida dirigenziale che ha reso sempre vitale il movimento, anche con scelte importanti, come quella di mantenere aperti gli impianti dal post lockdown del 2020. Approfittando degli spazi all’aperto garantiti dalle strutture cusine, il presidente Mazzone, il consiglio direttivo, i comparti amministrativi e di segreteria, oltre alle varie sezioni, agli istruttori dei corsi e alle maestranze, hanno profuso uno sforzo organizzativo di grande livello per offrire servizi validi, di qualità e praticati nel rispetto delle norme, anche nel periodo caratterizzato dalla pandemia.

LE INIZIATIVE SOCIALI

Ciò che infatti emerge è la grande importanza in termini di educazione e di salute che il CUS Catania attribuisce allo sport, e di cui l’Ente si fa continuo portatore.
Lo dimostrano le varie iniziative anche in ambito sociale, rivolte ai più piccoli e a chi ha più difficoltà. Come ad esempio “Sport ability in disability”, un progetto cominciato nel 2018 che ha come missione l’inclusione sociale attraverso lo sport. È rivolto a bambini e ragazzi affetti da un disturbo dello spettro autistico ad alto funzionamento. Seguiti da quattro tutor (istruttori specializzati in disturbi dello sviluppo), i bambini e i ragazzi, seguono, nelle stesse ore di corso dei ragazzi del Cas (Centro addestramento sportivo), le lezioni di vari sport. Un’attività che favorisce l’integrazione con i coetanei.
Stesso discorso si può dire dei campus estivi, organizzati grazie alla collaborazione con la Onlus progetto Aita oppure delle varie iniziative sociali amplificate grazie ai social o con video appositi.

Sono solo alcuni degli esempi di continua attenzione al mondo che circonda lo sport e il CUS, portati avanti in sinergia dal presidente, dal consiglio, dai tecnici e istruttori e dalle singole sezioni. Un gruppo di lavoro che abitualmente dà grandi risposte sui vari campi di gioco in cui è impegnato, ma soprattutto nel campo del coinvolgimento nelle iniziative che vanno incontro alla cittadinanza, agli studenti e agli iscritti.

SPONSOR E PARTNERS