Tornei a squadre: molti sarebbero dovuti iniziare in questo periodo. Adesso, si guarda al 2021 – La situazione anche negli sport individuali

Metà novembre. Doveva essere, secondo i calendari redatti a settembre, il periodo di avvio dei campionati di molte nostre squadre della sezione agonistica. Nel week end dovevano esordire basket e rugby, la prossima settimana il volley e poi il basket in carrozzina, mentre la canoa polo, dopo aver giocato a settembre metà del suo campionato, ha dovuto rinunciare alla seconda parte del torneo. Tutto finito e in attesa della nuova stagione (nel caso della canoa polo), tutto rinviato nel caso degli altri sport di squadra, almeno fino a gennaio. La nuova ondata della pandemia si è abbattuta come sappiamo sullo sport, soprattutto su quello dilettantistico. Il 2021, si spera da gennaio, potrebbe segnare la ripresa (o l’inizio) dei tornei. Il Coni intanto ha comunicato quali competizioni considerare di livello nazionale. Sulla base di questi ultimi dati, facciamo allora il punto della situazione per quanto riguarda le squadre. Da loro si parte, appunto perché in questo fine settimana dovevano cominciare i campionati, ma sarà inquadrata anche la situazione degli sport individuali.

Basket. La Fip è stata fra le più “strette” nell’interpretazione dei nuovi Dpcm ritenendo di non poter considerare “di interesse nazionale” tutti i campionati diversi da Serie A, A2, B maschile e A1 e A2 femminile. La serie C maschile del Cus Catania (che doveva cominciare in questo week end a Ragusa) dunque è contemplata a livello regionale, con conseguenze sugli allenamenti. In serie B-C femminile, stesso discorso (il calendario era ancora in stand by, prima della seconda ondata). Tutto fermo e attesa. L’idea di ripresa dei campionati è per gennaio, ma non è ancora ufficiale.

Rugby. Anche in questo caso l’inizio doveva essere in questo fine settimana col Ragusa rugby, per la serie B. Doveva partire in questo week end anche l’U18 elite. Come per tutte le altre sezioni si rispettano i protocolli per gli allenamenti. Per il resto, nelle regioni ‘Gialle’ e ‘Arancioni’, scrive la Fir, tutte le attività non di interesse nazionale possono proseguire gli allenamenti solamente in forma individuale e senza possibilità di accedere e utilizzare la palestra e gli spogliatoi. Il Consiglio Federale ha intanto già deciso che tutti i campionati nazionali e regionali siano rinviati al 24 gennaio 2021.

Volley. Sono state ritenute di interesse nazionale tutte le manifestazioni e competizioni già considerate tali dalla Federazione Italiana Pallavolo che, alla luce delle restrizioni contenute nel Dpcm del 3 novembre e nel prendere atto della situazione epidemiologica, ha stabilito per la pallavolo indoor di sospendere i tornei di interesse nazionale di ogni ordine e grado – ad eccezione dei campionati nazionali di serie A la cui organizzazione rimane di competenza delle Leghe – rinviandoli al prossimo mese di gennaio. Gli allenamenti continuano per serie C ed U 19. La C sarebbe dovuta partire il 21 novembre.

Basket in carrozzina. L’avvio del torneo era previsto per il 29 novembre a Termoli. La Federazione Italiana Pallacanestro in Carrozzina attraverso una delibera del presidente Fernando Zappile ha disposto lo slittamento di tutti i campionati. Per il campionato italiano di Seria B (dove milita il CUS Cus Catania): inizio il 9 gennaio 2021, fine entro il 30 maggio 2021.

Canoa Polo. la Fick dopo aver stabilito di non far giocare la giornata di campionato che si sarebbe svolta a Catania e a Milano a metà ottobre, ha comunicato l’annullamento degli eventi e delle competizioni di Canoa Polo 2020, sia a livello nazionale che a livello regionale. La squadra del Cus, a metà stagione era in lotta per i play off di serie A.

Baseball. Sport estivo per eccellenza, ha visto completati tutti i tornei in cui sono protagoniste le nostre Under, adesso si è in attesa, come in tutte le discipline, dell’evolversi della pandemia e degli attesi vaccini. Ad aprile riprendono i campionati, per la stagione 2021 e già dalla settimana prossima inizieranno gli allenamenti, come da nota emanata dalla federazione, allo scopo di preparare la prossima stagione.

Questa la situazione degli sport di squadra che dovevano cominciare (o completare) i tornei in questa fase dell’anno. Anche negli sport individuali, la situazione ovviamente è mutata. Qualcuno non è sport di contatto. Nel tennis sono state sospese, come in tutte le discipline, le competizioni non riconosciute di interesse nazionale. Sono mantenuti i tornei individuali che siano aperti alla partecipazione di tutti i tesserati atleti agonisti a livello nazionale. I campi del Cus sono all’aperto, ed è consentito allenarsi, anche in preparazione dei vari tornei. Chi può svolgere sedute di allenamento, lo fa ovviamente nel rispetto di tutte le norme di sicurezza previste dal Dpcm e dalle linee guida. La federscherma ha comunicato che le competizioni regionali e nazionali olimpica e paralimpica, programmate nei mesi di novembre e dicembre, sono rinviate a data da destinarsi. Le gare, per le quali si conferma comunque l’organizzazione, potranno essere svolte dal mese di gennaio 2021, ma tutto dipenderà dall’evoluzione della situazione epidemiologica sul territorio nazionale.  Restano consentiti gli allenamenti per le stesse gare. Nell’arrampicata sportiva, attivati allenamenti per il gruppo di senior che si prepara agli assoluti e per i ragazzi del circuito regionale che si allenano per i nazionali; posticipate le gare federali; le competizioni regionali invece fungeranno da selezioni per le gare nazionali. Nell’atletica, i centri di avviamento alla disciplina si intendono autorizzati in ragione di quanto previsto dal Dpcm. Gli impianti restano aperti dato che sono destinati alla pratica di una disciplina individuale. Nella bellissima pista all’aperto del Cus Ct, allenamenti dalle categorie giovanili agli assoluti. Le gare regionali sono sospese. Per quanto riguarda le manifestazioni nazionali, da gennaio dovrebbero partire le gare indoor e le corse campestri nelle diverse categorie, sono previsti il trofeo invernale di marcia oltre al trofeo lanci invernale, ma tutto ovviamente dipende dall’evoluzione che avrà l’emergenza epidemiologica. Per quanto riguarda la canoa, il presidente della federazione nazionale Bonaiuto ha comunicato di “proseguire all’aperto le attività, in barca singola possibilmente, ancorché la canoa non sia considerata e ricompresa tra quelli di contatto, come indicato nel provvedimento del Ministro per le politiche giovanili e lo sport del 13 ottobre scorso. Le sessioni di allenamento saranno fondamentali per la prossima stagione sportiva nazionale”. Nel canottaggio, è consentito organizzare eventi e competizioni riconosciuti di interesse nazionale ed allenarsi per prepararsi agli stessi. Attività nazionali consentite dunque ma i COL dei campionati hanno quasi tutti rinunciato perché gli spostamenti sono difficili da effettuare. Per ciò che concerne la ginnastica ritmica le agonistiche si allenano in palestra, le pre-agoniste all’aperto. Tornei sospesi a livello regionale, ce ne sarà uno a livello nazionale a dicembre. Per la lotta (come per tutte le discipline Fijlkam), dopo il Dpcm e le comunicazioni del Coni, resta consentita per gli atleti agonisti nel più rigoroso rispetto di protocolli e linee guida, l’attività di allenamento a porte chiuse esclusivamente in preparazione degli eventi ricompresi nella lista emanata dal Coni. Nel pattinaggio, allenamenti con numero ridotto all’aperto e al momento nessuna gara in programma. Per quanto riguarda gli scacchi, la Fsi, a seguito dell’annullamento della Finale dei Campionati individuali per l’anno in corso, ha organizzato i Campionati Italiani Online 2020. Il gioco on line al momento è quello di gran lunga più praticato, anche dal Cus Catania Etna Scacchi, che sta preparando il campionato italiano di serie A1 a squadre, previsto al momento dal 12 al 14 marzo prossimi.